3936231_1050_lampadine_alogene

SAPEVI CHE LA LAMPADINA ALOGENA È ANDATA IN PENSIONE A SETTEMBRE 2018

Diciamo addio alla lampadina alogena, consumano troppo e sono in classe D, ormai le alternative sono eco-friendly, al prossimo cambio di una lampadina fulminata vai con i LED che consumano fino a 5 volte meno rispetto alla lampadina tradizionale, il vantaggio sarà tutto dell’ambiente delle industrie e delle tasche dei consumatori ovviamente.

Il passaggio a lampadine a basso consumo energetico porterà un risparmio energetico annuale pari al consumo annuo di elettricità del Portogallo (48 TWh di energia elettrica) e consentirà di risparmiare circa 15,2 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 entro il 2025, pari alle emissioni generate da circa due milioni di persone all’anno.

Risparmi destinati ad aumentare ulteriormente con i prezzi dei LED più bassi e il miglioramento delle performance.

Poi, ci sono i vantaggi previsti per l’industria, con la creazione di nuovi posti di lavoro nell’Unione Europea e proteggendo l’industria Ue dalla concorrenza di bassa qualità e dall’importazione di prodotti inefficienti. Tali misure di progettazione ecocompatibile (Ecodesign) contribuiscono infatti direttamente, al pari di altre già vigenti in Europa, a ridurre i costi e migliorare la competitività fissando norme a livello europeo e ad evitare potenziali costi di conformità con 28 diversi sistemi di requisiti nazionali.

Il divieto non riguarda però proprio tutti i prodotti. A essere messi fuori mercato saranno i tradizionali bulbi di vetro a forma di pera, non direzionali, in classe energetica D, mentre sono escluse da questa operazione: le lampade alogene direzionali (i popolari “faretti”); le lampade alogene con attacco G9 e R7S (spesso utilizzate per le lampade da tavolo e i proiettori). Le misure in oggetto non si applicano ai prodotti sono già in vendita nei negozi, ma solo per i nuovi prodotti immessi nel mercato.

Quanto sai sui LED? vieni a trovarci nel nostro punto vendita per tutte le info e risparmia con RF ELETTRICA!